Viaggio nel deserto: la città di Fes

Fes

Fes conosciuta anche con il nome Fez, si trova a circa 200 chilometri dalla capitale Rabat è ritenuta la capitale religiosa del Marocco, oltre ad essere un luogo sacro è un sito Patrimonio dell’Unesco.

Il cuore pulsante della città è senza alcun dubbio la Medina, ovvero il centro storico, al quale si accede attraverso la porta Bab Bouljoud, conosciuta meglio come la Porta Blù, composta da tre archi e due torri, l’intera facciata esterna è ricoperta di maioliche di colore blu’, colore simbolo della città, mentre l’interno è piastrellato in verde, ovvero il colore dell’islam.

Medina cioè la Città Vecchia è un labirinto di stradine, oltre 9 mila vicoli, che ospitano ogni giorno mercati di ogni tipo, dai preziosi tessuti colorati alla pelle, dai lavorati tappeti agli oggetti in ottone, senza dimenticare le artigianali ceramiche dipinte a mano.

Questa parte della città è particolarmente suggestiva con i suoi numerosi palazzi e le loro diverse architetture, come quelle ispaniche unite a quelle marocchine o quelle del quartiere arabo, che convivono bene insieme.

Le grandi moschee, il museo di Dar Batha e quello di Borj, oltre ad un esteso sito archeologico, dal quale si può ammirare uno splendido paesaggio, la Medina di Fez è anche sede della più antica università del mondo, fondate nell’ 857 da una donna.

La città si suddivide in tre distinti quartieri: la Medina di Fez, la nuove Fez ovvero il quartiere ebraico, chiamato anche Mallah, che racchiude al suo interno il caratteristico cimitero ebraico e la Ville Nouvelle piena di viali, negozi e ristoranti alla moda.

Da non perdere le concerie a cielo aperto, un susseguirsi di grandi vasche colorate, nelle quali sono immersi i tessuti, è una terrazza panoramica sul lavoro che compiono ogni giorno gli instancabili conciatori. Per un viaggio autentico nel deserto del Marocco vi invitiamo a visitare il sito di MamoTravel, una realtà che offre sicurezza e viaggi originali.