The Offspring – Days Go By

Scheda
Rispetto al genere
7.5


Rispetto alla carriera
7.0


Hype
6.0


Voto
6.8

6.8/ 10

di Lorenzo Modica

Tornano gli Offspring e lo fanno sempre con un’energia da vendere! Ma c’è  subito chi si lamenta per il troppo tempo tra un album e l’altro, ed ecco che Dexter risponde: «Non c’è una vera ragione per questa attesa, certamente non era nostra intenzione metterci tanto tempo. Ma è un disco che abbiamo scritto in studio con l’impegno di portare al massimo ogni singola canzone e con una libertà creativa assoluta. Tutte le idee venivano considerate, nessuna esclusa».
L’altra lamentela – o provocazione – da parte della critica è quella di insistere nel dire che gli Offspring si siano indeboliti. Dal punk degli esordi sarebbero passati a un rock più amico di radio e reti televisive, per una settimana hit di Virgin radio, aumentando decisamente la quantità di testi divertenti, a scapito ovviamente dell’aggressività che caratterizzava i loro primi lavori. «Ora ci sentiamo molto più liberi- commenta Dexter – prima ci preoccupavamo molto di più se non eravamo abbastanza punk. Oggi invece abbiamo una sola preoccupazione, e cioè che la musica sia buona, le canzoni belle. Siamo punk, non siamo più punk come una volta? Decidetelo voi. Oggi siamo certamente più melodici, suoniamo di più e certamente cerchiamo molto di più di farci conoscere e apprezzare da tutti».
Days go by parla dell’America che cambia con i giorni che scorrono: gente senza lavoro, gente che perde la casa, che si deve trasferire per cercare lavoro altrove. Questi temi sono stati affrontati attraverso lo stile Offspring, ossia musica divertente ed energica. I singoli lanciati Crusing Californiala title track ricalcano i ritmi ormai consueti dopo tanti anni, e rchiamano maniera abbastanza palese i brani che ormai piacciono a tutti. Da lodare la voce di Holland, sempre impeccabile, e da sottolineare la presenza di Pete Parada alla batteria che è la new entry della band, non una sorpresa dato che gli Offspring cambiano il batterista ogni album.
Una caratteristica molto interessante è senz’altro quell’effetto di suspence presente all’inizio di ogni brano, che tiene in sospeso l’ascoltatore fino a che la batteria non parte ai soliti livelli esasperati. Un’inversione di rotta la troviamo in Oc Guns che tra scratch, trombe e un cantato in stile rapper bianco americano sorprende e lascia un dubbio, c’entrerà qualcosa questo brano con l’album?  Si può capire che sempre gli stessi ritmi possono stufare, ma un brano del genere è abbastanza azzardato.
La band californiana, arrivata al nono album, nell’intervista di presentazione di Days go by affronta anche la questione della longevità della band: «Come abbiamo fatto a resistere insieme per più di venticinque anni? Me lo sono chiesto spesso e ho concluso che le spiegazioni sono tre. Primo, noi eravamo amici prima di fondare gli Offspring. Secondo, per quasi dieci anni non abbiamo avuto successo e soldi, la nostra gavetta è stata lunga e faticosa, e questo naturalmente ci ha unito molto. Infine, abbiamo imparato che è necessario stare lontani, ogni tanto. Dopo tre o quattro mesi sempre insieme, sullo stesso bus, uno vicino all’altro notte e giorno, chiunque farebbe a botte anche i migliori amici». Scoperto l’elisir della vita degli Offspring, auguriamo a Dexter Holland e Co. di tirare avanti altri 100 anni.

(21/06/2012)

Commenta
Lorenzo Modica
Lorenzo Modica

Redattore. Scrive sul webzine OUTsiders dal 2011, frequenta la facoltà di Lingue e Letterature Straniere presso l'Università di Studi di Torino. Appassionato di rock, indie rock, e sottogeneri. Contatti: owomoyela90@gmail.com