Suicidal Tendencies – 13

Scheda
Rispetto al genere
8.0


Rispetto alla carriera
7.5


Hype
7.5


Voto
7.7

7.7/ 10

di Matteo Mezzano

Tredici, come gli anni passati dal lontanissimo Free Your Soul And Save My Mind. Come al solito i prodi Californiani ci servono un cocktail di punk e crossover thrash, e lo si intuisce già dalla copertina che trasuda ignoranza e scarsa igiene intima. Nonostante sia molto lungo (parliamo di quasi un’ora), l’album si lascia ascoltare molto bene senza risultare pesante, grazie anche all’intrinseca componente speed delle tracce e ai sapienti cambi di tempo che contribuiscono a mantenere alto l’interesse. La cosa che ho sempre trovato interessante di questo gruppo è la loro abilità nel saltare di palo in frasca, da un genere all’altro, non solo tra due dischi differenti, ma addirittura nello stesso album e far sembrare il tutto la cosa più normale del mondo, e questo 13 non fa eccezione: la parte funkeggiante salta all’orecchio subito in pezzi come Till My Last Breath e in God Only Knows Who I Am, mentre virate più “thrashose” sono ben evidenti nella arrogogantissima Smash It!, la componente hardcore-punk (la vena principale del gruppo possiamo dire) resta sempre presente, a volte latente, pronta a esplodere in un potente blast beat. La cosa che più mi ha entusiasmato dell’album è che, nonostante siano passati trent’anni dal loro debutto, i Suicidal Tendencies hanno conservato una carica casinara e un’energia dirompente, difficile da trovare persino nei gruppi moderni. In conclusione, quest’album mi è molto piaciuto e mi ha fatto molto divertire, magari non è perfetto (troppo lungo, alcune canzoni sono un po’ sottotono) e sicuramente non troverà consensi da tutto il pubblico per il suo particolare genere (o meglio assenza di genere), ma questo 13 è senz’altro un ottimo lavoro da parte di una ottima band, che negli anni ha fatto scuola e che ha ancora molto da dire.

(12/04/2013)

Commenta
Matteo Mezzano
Matteo Mezzano

22 anni, studente di Ingegneria Nucleare al Politecnico di Torino, batterista occasionale.