Skunk Anansie – Black Traffic

Scheda
Rispetto al genere
6.5


Rispetto alla carriera
7.5


Hype
9.0


Voto
7.7

7.7/ 10

di Federica Carola Bruni

Sì sono loro. Sono tornati. A distanza di due anni, dopo Wonderlustre, uscito nel settembre 2010, tornano all’attacco i dinamici Skunk Anansie, con un album chiamato Black Traffic. I primi dieci secondi della traccia numero uno, smentiscono ogni dubbio possibile ed immaginabile sul fatto che il gruppo si possa essere “venduto” alla musica commerciale o che possa peccare dell’ aggressività formidabile che da anni lo contraddistingue.
Black Traffic è l’ultimo capolavoro della rock band britannica. In questo loro quinto disco da studio, la band giudata dall’audace Skin, affronta il panorama dell’attuale realtà politica e sociale. Infatti, il 24 è uscito nelle radio il primo singolo: I Believed in You, prima traccia estratta da Black Traffic. La canzone rispecchia il disappunto di molti riguardo ai loro politici eletti. “Credo che molte persone siano state deluse dai loro leader. Tutti vogliono votare, ma per chi? Sbagliano tutti perché alla fine interessa di più pensare alla loro posizione come politici che elevare la posizione del paese che stanno rappresentando” questo è quanto dichiarato dalla band, in una recente intervista.
Gli Skunk Anansie saranno ancora una volta protagonisti della musica rock, grazie al nuovo fantastico album contenente 11 inediti,  in uscita il 25 settembre. Dopo l’ottimo riscontro ricevuto con il lavoro presente in Wonderlustre, questa volta, Skin &co metteranno sotto giudizio Black Traffic, all’interno troviamo un ritorno verso il pop dato da Our summer kills the sun ed una dolce e melodica Diving down contrapposta invece un richiamo punk di Satisfited un cui verso dice “All I want to say is: fuck you”. Un ultimo brano che colpisce e affonda è l’energico Sticky fingers in your honey canzone in cui il suono del basso pare un trapano. Abbiamo dunque la conferma che questo brano sia all’altezza di alcuni intramontabili e aggressivi singoli del passato degli Skunk, come Brazen(Weep) o Charity.
Il nuovo progetto discografico dell’alternative rock band è stato registrato a Londra ed è stato prodotto dagli Skunk Anansie e da Chris Sheldon (produttore di Foo Fighters, Biffy Clyro e Pixies) e mixato daJeremy Wheatley e Adrian Bushby. Black Traffic sarà la prima distribuzione indipendente del gruppo tramite la sua etichetta che ha lavorato in collaborazione con Carosello Records per l’Italia. L’uscita dell’album sarà accompagnata anche da un tour europeo di 20 date. In Italia, invece, la band romperà il palcoscenico del Mediolano Forum di Milano il 19 novembre, il 20 novembre a Roma (PalaLottomatica) e il 21 novembre a Jesolo (Pala Arrex).

(21/09/2012)

Commenta
Federica Carola Bruni