Serj Tankian – Harakiri

Scheda
Rispetto al genere
7.0


Rispetto alla carriera
8.0


Hype
7.0


Voto
7.3

7.3/ 10

di Alekos Capelli

Harakiri è il terzo album solista di Serj Tankian, già voce dei System Of A Down, nu-metallers pluridecorati dei primi anni 2000. Affrancatosi ormai da tempo dall’ingombrante ombra della band madre (Elect The Dead è del 2007, il sinfonico Imperfect Harmonies del 2010), Serj torna finalmente a quello che sa fare meglio, e che, indubbiamente, interessa di più al suo pubblico: brani con entrambi i piedi ben piantati nel rock moderno e contemporaneo, con aperture al metal, al punk, e occasionali divagazioni elettroniche. Da artista sensibile, acculturato e complesso qual è (si ricordano il progetto etno-elettronico Serart, con Arto Tunçboyacıyan, e l’impegno sociale con l’Axis Of Justice, organizzazione non-profit fondata assieme a Tom Morello), Serj Tankian presenta il suo nuovo lavoro non come una mera raccolta di canzoni, ma come «una fotografia nitida che immortala il ruolo della politica nelle nostre vite, l’economia frustrata e gli scempi ambientali che tessono la trama della società odierna ».

In questo senso il titolo Harakiri (lo squarciamento del ventre del suicidio rituale tradizionale giapponese) è inteso come il suicidio etico-sociale che l’umanità sta compiendo, verso se stessa, verso l’ambiente e il mondo animale (come denunciato proprio nelle lyrics della title-track). Se per quanto riguarda il lato tematico-concettuale l’album è dunque presto inquadrabile, e ben approfondibile, a livello prettamente musicale il buon Serj ci presenta un melting-pot stilistico piuttosto vario e composito, con alcuni dei suoi migliori brani di sempre, come ad esempio la melodica opener cornucopia (la nuova Elect The Dead?), oppure la divertente Ching Chime, che riporta alla mente l’estro interpretativo Sugar-style. Altre composizioni senza dubbio efficaci sono Occupied Tears e Weave On, mentre si riscontra qualche velleità sperimentale di troppo in Deafening Silence, con un insistito arrangiamento elettronico che non si armonizza più di tanto con la natura tipicamente rock del lavoro (Figure It Out), nella quale spicca il lavoro di chitarra di Dan Monti. Va altresì sottolineato come gran parte del processo compositivo dell’album sia stato svolto dal solo Serj con l’utilizzo dell’iPad (proprio come Björk su Biophilia), ribadendo la grande capacità e autonomia creativa di un artista che sta indubbiamente vivendo un periodo di notevole fertilità. E’ infatti notizia recente che, successivamente ad Harakiri, Tankian abbia già pronti un’intera sinfonia (Orca), un album jazz (Jazz-Iz-Christ) e un lavoro elettronico, assieme a Jimmy Urine dei Mindless Self-Indulgence (Fuktronic). L’inconfondibile voce dell’artista di origini armene, assieme a Davis, Keenan e Draiman, uno dei pochi veri talenti canori emersi in ambito crossover, fa ovviamente la parte del leone lungo tutto la release, alimentando alla grande l’entusiasmo e la piacevolezza dell’ascolto. In conclusione Harakiri è, allo stato attuale, il disco solista di Tankian più completo e soddisfacente, e fotografa un artista perfettamente a suo agio sia come interprete che come compositore, libero di spaziare in lungo e in largo, nei vari generi del mare magnum della musica contemporanea, preservando la sua identità e progredendo in percorso coerente e di successo.

(10/07/2012)

Commenta
Alekos Capelli
Alekos Capelli