Samuele Bersani – Psyco

Scheda
Rispetto al genere
8.0


Rispetto alla carriera
6.5


Hype
6.5


Voto
7.0

7/ 10

di Edoardo D'Amato

Ci sono periodi della vita e della carriera di un artista che possono essere definiti innanzitutto traguardi, e questo è oggettivo, un dato di fatto incontrovertibile. Poi sta all’artista in questione capire se questi traguardi pongono anche un bivio e se sarà il caso di rinnovarsi, se sarà il caso di cambiare di nuovo. Samuele Bersani dichiarò nel lontano 2003, anno in cui uscì Caramella Smog, di non poter più sopportare teen ager con gli occhioni dolci che riempivano il suo camerino di orsacchiotti profumati. Diceva di sentirsi più a proprio agio nei panni del cantautore impegnato, perchè la sua musica e le sue parole non potevano più essere rivolte a quindicenni urlanti “Sposami Samu”. E l’album ebbe un grande successo, impreziosito da ospiti d’eccezione come Fabio Concato e Sergio Cammariere, ma anche dalla consegna di due targhe Tenco. Insomma, quell’album segnava la cesura definitiva(Bersani aveva già svoltato con L’oroscopo speciale) rispetto alla discografia precedente ricca di successi come Freak, Spaccacuore e Cosa vuoi da me. E a vent’anni di distanza dall’esordio, il cantautore riminese pubblica questo Greatest Hits in cui ripropone i successi del passato, arricchendo il lavoro con due singoli inediti: Psyco, che dà il titolo alla raccolta, e il pezzo sanremese Un pallone. Si tratta dunque di un doppio cd che si apre innanzitutto con i due inediti: il singolo sanremese Un pallone(premio Critica) apre il tutto, e non è poi così malvagio. E’ la metafora del pallone che rotola come il nostro Paese, e la musica si sposa bene con il testo dando quel senso di amara ironia che la parlantina di Bersani catechizza. Psyco è la title track ed è un pezzo che sancisce la piena maturazione dell’artista, che dispensa massime da vero poeta: “Se piango in acqua non si nota, e in mezzo agli altri si consiglia di sorridere”. Il resto è la storia di Bersani, ma in fondo anche un po’ quella di tutti noi: i sogni di un adolescente, i primi amori e i vecchi amici, il disgusto verso il teatrino della politica e il bisogno di riflessioni sociali. Psyco esce sulla scia della seconda partecipazione di Bersani al Festival di Sanremo, e ripercorre l’intera carriera ventennale del cantautore: dagli anni in cui compare un giovanissimo ragazzo acqua e sapone( il video di Chicco e Spillo è emblematico) e in cui le ragazzine impazziscono per il cantante di Spaccacuore, a quelli più complessi e riflessivi di Giudizi Universali, per giungere a quelli in cui il cantautore si rivolge con sprezzante ironia alla classe politica in tempo di elezioni con Lo scrutatore non votante. E’ un lavoro che raccoglie tutto ciò che Samuele Bersani ha fatto in questi vent’anni di poesie, dove l’ottimo pop degli esordi si mescola con le riflessioni(talvolta cervellotiche) degli anni 2000.

(27/02/2012)

Commenta
Edoardo D'Amato
Edoardo D'Amato

Direttore. Classe 1990, ho visto nascere OUTsiders e ora cresce insieme a me. Collaboro anche presso il network www.fantagazzetta.com.