Oceana – My House

Scheda
Rispetto al genere
7.0


Rispetto alla carriera
7.0


Hype
7.0


Voto
7.0

7/ 10

di Mar. Val.

Gol spettacolari, vittorie sudate, tanti sorrisi e qualche lacrima, durante questo Campionato Europeo di Polonia – Ucraina. Tutto con Oceana, cantante tedesca ma di origini caraibiche, a fare da comune denominatore sulle note di Endless Summer, il dopo Shakira. Poco importa se l’operazione di bissare il successo del “Waka – Waka” sia riuscita o meno, ciò che conta è lasciare il segno. Detto fatto, anche nel suo nuovo album, My House, in grado di sorprendere (positivamente) per la varietà di atmosfere e generi aggregati meticolosamente al suo interno: si rimbalza da uno stile all’altro, dal soul fino alla dance, passando per il reggae. Un lavoro volutamente disorganico e imprevedibile. La squadra di collaboratori (in fase esecutiva) comprende uno dei mitici sassofonisti di James Brown, Meceo Perker (che ha iniziato Oceana al mondo del jazz) , e Clifford Smith, meglio noto come Mr Vegas, grossa star della dancehall giamaicana. Insomma, quei pochi ma buoni che servono per mandare un messaggio a tutti.
La sinuosa My House, complice un andamento lento e ben calibrato sulle doti interpretative della cantante esotica, apre l’album in maniera soft, ma questo non deve trarre in inganno: tra un tune festaiolo (Sunshine Everyday) , un’attraente polifonia (Amazing) e l’iniziare delle montagne russe (Lose Control), si vira, infatti, su un filone decisamente più ballabile e commerciale. Nessun indugio attraversando Put You Gun Down, la struggente Say Sorry e le sonorità in levare di Sweet Violet. Poi, giusto un attimo di Diamonds ed è il momento della già citata Endless Summer, che ricorda il “popcorn style” romeno. I pezzi successivi, tranne Love Is Dying e Better Days, non sono particolarmente brillanti, ma comunque il livello  qualitativo rimane alto.
Nell’insieme, il cd, grazie a parecchie canzoni con una forte presa, ribalta le aspettative collocandosi in un gradino più alto rispetto al precedente, “Love Supply”. E pazienza se Oceana può in qualche caso non essere il massimo dell’originalità. Repetita iuvant.

(04/07/2012)

Commenta
Mar. Val.
Mar. Val.

Redattore. Studente di Sociologia all'Università di Torino. Contatti: marcovalzano@outsidersmusica.it