[REVIEW] Kelis – Food

Scheda
Rispetto al genere
7.0


Rispetto alla carriera
7.5


Hype
7.5


Voto
7.3

7.3/ 10

di Redazione
kelis

di Carlo Cian 
–  Miss Nas è tornata. E, ancora una volta, ha deciso di mutare pelle. Dall’esordio, risalente al 1999, di cose ne sono cambiate: dietro ai mixer di produzione si sono alternati talenti come Neptunes, Andrè 3000 e persino David Guetta. Nel 2013 un distacco dallo showbiz, un cambio radicale: Kelis firma per la label inglese Ninjatune, ormai sulla bocca di tutti grazie ad artisti del calibro di Bonobo e Amon Tobin. FOOD, è un piatto ricco e gustoso (guardate la clip sotto per capire qualcosa di più sulla scelta del titolo). Come base, una grande voce soul; aggiungete una dose abbondante di fiati che strizzano l’occhio alla Motown e abbondanti ritmiche funkeggianti. Meno “bossy” e più smooth che in passato. Gli ingredienti sono essenziali ma al tempo stesso di grande gusto e qualità. Lasciarsi guidare dalle note di “Jerk Ribs” o di “Hooch” è come fare un viaggio all’indietro nel tempo alla riscoperta di quelle sonorità che hanno rivoluzionato la storia della musica. La cantante newyorkese trova il giusto equilibrio tra suoni del passato e del presente – a modo suo – con un sound caldo e melodico, ricercato e radiofonico al punto giusto.

(29/04/2014)

Commenta
Redazione
Redazione