Foxygen – We Are The 21st Century Ambassadors Of Peace & Magic

Scheda
Rispetto al genere
5.0


Rispetto alla carriera
5.0


Hype
5.0


Voto
5.0

5/ 10

di Edoardo D'Amato

Un collage: ecco cosa hanno fatto i Foxygen, e per questo motivo non si possono davvero premiare. Allora, diciamo subito le cose come stanno: questo duo californiano, formato da Jonathan Rado e Sam France, non sarebbe affatto da buttare. Entrambi scrivono un ottimo pop, sembra che si affaccino senza troppi fronzoli ad un rock psichedelico che i mostri sacri degli anni ’60-70 avevano inventato, ma la triste verità è che gruppi come Grateful Dead, Beach Boys e perchè no Beatles non sono semplici punti di riferimento, ma carte d’identità che offuscano completamente quella dei Foxygen. Se il loro album d’esordio Take The Kids Off Broadway, uscito appena un anno fa, era passato quasi inosservato, questo We Are The 21st Century Ambassadors Of Peace & Magic probabilmente no: sarà canticchiato, farà un sacco di soldi e forse verrà anche osannato dalla critica. Tuttavia, non si può esprimere un giudizio positivo su un disco in cui le intenzioni sono ben chiare: appiccicare in ogni traccia un po’ di storia della musica, ma tirando le somme dei Foxygen non si trova traccia. C’è una tale mancanza di personalità, uno scimmiottamento continuo, che il giochino della band risulta alla lunga anche fastidioso: così il disco si apre con In The Darkness, dove i Beatles rivivono senza troppi nascondigli. No Destruction pare una canzone che avrebbe scritto un David Bowie in un periodo a corto di creatività, con uno sguardo ammiccante anche ai Tweedy. Il disco prosegue ma non si cambia di una virgola, o meglio c’è un continuo tentativo di mischiare le carte in tavola, ma sono sempre le stesse: il blues di On Blue Mountain non solo riprende Roxy Music e Brian Ferry, ma guarda anche spudoratamente ai Black Keys, cantati dalla controfigura di Mick Jagger. Mentre il disco prosegue, viene de dire che risulta quasi un obbligo morale non lasciarsi abbindolare: le canzoni sono tutt’altro che malvagie, sono accattivanti e si fanno canticchiare (sentite San Francisco), però no, non ci si può cascare così. I Foxygen hanno fatto una vera e propria compilation fra Doors (sentire per credere la title track, a metà fra psichedelia e punk), Beatles e Kinks, senza la benchè minima traccia di madama creatività. In conclusione viene da dire che questo We Are the 21st Century Ambassadors of Peace and Magic è carino, buono da cantare sotto la doccia e niente più, anche se gli apprezzamenti più alti non mancheranno per un disco che è perfetta, sublime e immensa scopiazzatura.

(04/03/2013)

Commenta
Edoardo D'Amato
Edoardo D'Amato

Direttore. Classe 1990, ho visto nascere OUTsiders e ora cresce insieme a me. Collaboro anche presso il network www.fantagazzetta.com.