Estelle – All Of Me

Scheda
Rispetto al genere
7.5


Rispetto alla carriera
7.0


Hype
7.0


Voto
7.2

7.2/ 10

di Lorenzo Li Veli

Si sa, confermare un successo è sempre complicato. In ambito musicale è, volendo, ancor più difficile. Se, poi, il disco in questione, è diventato anche un trionfo commerciale e della critica, l’impresa si rivela decisamente ardua. E’ la storia di Estelle, giovane artista britannica, balzata agli onori della cronaca nel 2008, con Shine. Chi non si ricorda del tormentone American boy, dove la cantante duettava con Kanye West? Impossibile dimenticarsene, dato il massiccio airplay che la canzone aveva ricevuto.
Spostiamoci nel 2012, ora. Anticipato dal singolo modaiolo con Rick Ross, Break my heart, pubblicato nell’aprile 2011, All of me rappresenta il tanto atteso ritorno di Estelle sulle scene, dopo ben quattro anni di assenza. Quindici tracce, di cui cinque skit, per quaranta minuti di pura intensità. Questo è un disco molto variegato, ma allo stesso tempo omogeneo: si nota un filo conduttore musicale che accomuna tutte le canzoni, ognuna delle quali, però, regge da sola il confronto con le altre. Ecco l’introspettiva e melanconica Thank you, scritta dal senegalese Akon, o l’incoraggiante Wonderful life. I featuring sono centellinati: il già citato Rick Ross, il redivivo Chris Brown e Trey Songz nella futuristica International (Serious), produzione targata David Banner e gran finale con Janelle Monae. La vera protagonista è, senza dubbio, la voce di Estelle, che pare nettamente migliorata rispetto al precedente disco. Musicalmente, All of me si presenta decisamente variopinto: influenze soul (i cinque interludi), hip hop (The Life, dove l’artista inglese si improvvisa rapper), fino all’elettronica (Back to love).
Estelle è di nuovo in pista, con un roboante disco, che le permetterà quasi sicuramente di bissare il successo di pubblico e critico ottenuto quattro anni fa.

(26/02/2012)

Commenta
Lorenzo Li Veli
Lorenzo Li Veli

Caporedattore e gestore della sezione black music. Studente della magistrale di Ingegneria Energetica @ Politecnico di Torino