Companion – Companion

Scheda
Rispetto al genere
6.5


Rispetto alla carriera
6.0


Hype
6.5


Voto
6.3

6.3/ 10

di Giorgio Albano

Sotto il progetto denominato Companion si nasconde la sapiente mano della cantante e chitarrista Pepi Ginsberg, già nota per aver collaborato e prodotto con  la Park the Van Records. L’artista, al suo primo album targato Companions, aveva già prodotto parecchio (tra dischi ed Ep) firmati con il suo nome di battesimo, tra cui il più famoso è sicuramente “Red” del 2008. Al cambiamento del nome del progetto corrisponde contemporaneamente un cambiamento di stile abbastanza rilevante. Lasciate le influenze Folk e  Psych-rock che avevano caratterizzato il suo sound soprattutto agli albori della carriera, in questo disco l’artista nativa di Brooklyn si concentra su sonorità più vicine all’indie cantautorale e al pop. Rimane, invece, sempre caratteristica la voce acuta e un po’tremante di Pepi, su cui la ragazza gioca molto. In canzone “Only” sono presenti urli, coretti e parti vocali pensati apposta per mettere in risalto questa sua particolarità. A riprova di quanto le linee melodiche siano importanti per la buona riuscita del disco bisogna segnalare che due ragazze facenti parte del coro di Brooklyn sono entrate a far parte del progetto proprio per aiutare Pepi in tutti questi effetti vocali.  Il disco contiene dieci tracce per un totale di circa quaranta minuti di buona musica. In definitiva il nome e lo stile rendono questo lavoro catalogabile come “ di transizione”. Sarà sicuramente molto interessante seguire l’artista in futuro.

(22/02/2013)

Commenta
Giorgio Albano
Giorgio Albano

Redattore.