Calibro 35 – Ogni riferimento a persone esistenti o a fatti realmente accaduti è puramente casuale

Scheda
Rispetto al genere
9.0


Rispetto alla carriera
8.0


Hype
8.0


Voto
8.3

8.3/ 10

di Marco Favaro

I Calibro 35 approdano oltreoceano per la registrazione del loro terzo disco Ogni riferimento a persone esistenti o a fatti realmente accaduti è puramente casuale: il luogo dell’appuntamento è il noto Brooklyn Recording e Mission Sound, dove hanno inciso individui come Marc Ribot e gli Animal Collective, i protagonisti sempre gli stessi: Enrico Gabrielli (strumenti a fiato e a tastiera), Massimo Martellotta (chitarra), Luca Cavina (basso), Fabio Rondanini  (batteria e percussioni) e Tommaso Colliva (regia e sapiente supervisione). Ritorna anche il materiale di partenza: riferimenti espliciti e non alle colonne sonore dei polizzioteschi che la band ha splendidamente riportato in auge nei due album precedenti, approccio incisivo, riff che spaziano dal funk ai Led Zeppelin e tanto, tanto movimento. Quello che cambia in Ogni riferimento è l’equilibrio tra cover e composizioni proprie, tra citazione e spunto inedito; i rifacimenti, come al solito raffinati e ben a fuoco, si limitano qui a due tracce su dodici: Passaggi nel tempo di Ennio Morricone e New York New York di Piero Piccioni. Il resto è libero sfogo della band, che espone abilmente i propri argomenti: si va dallo psych-funk di Ogni riferimento a fatti accaduti è puramente casuale agli schizzi blues in Il Pacco, dalle atmosfere esotiche di New Dehli Deli a quelle più intimiste e sospese di Pioggia Cemento; nel mucchio spiccano le piacevoli novità: voci di sottofondo e cori pulsanti in Uh Ah Brrr e Il pacco. Vertice del disco è sicuramente Massacro all’alba, cattiva e mordente, dove la ritmica funk si fa incedere marziale su cui si intrecciano chitarra e tastiera: atmosfera psichedelica e regolamento di conti finale. Insomma gran disco per il killer combo che continua ad essere la vera perla dell’ indie italiano e non fa che ben promettere per futuri sviluppi.

(22/02/2012)

Commenta
Marco Favaro
Marco Favaro

Collaboratore. Cantante e chitarrista nei Dieci Piccoli Indiani.