Cage The Elephant – Melophobia

Scheda
Rispetto al genere
6.0


Rispetto alla carriera
6.5


Hype
6.5


Voto
6.3

6.3/ 10

di Simone Picchi

cage-the-elephant

Nel  rock d’Oltreoceano degli ultimi anni i Cage The Elephant si sono fatti notare per la loro attitudine stralunata fatta di simboli e metafore incastrate in testi al limite del surreale, ed una presenza live a stretto contatto con il pubblico. Dopo due fortunati album, i cinque nativi del Kentucky arrivano a quest’ultima fatica in studio con un’attesa maggiore rispetto alle loro uscite precedenti, consapevoli dell’importanza rilevante del fatidico terzo album.
Sin dalle prime note dell’opener Spiderhead è chiara la direzione stilistica intrapresa in questo nuovo viaggio sonoro: la ricerca di una maturità maggiore in fase di scrittura e composizione. Ci avviciniamo quindi alle radici musicali americane nella semi-ballad Come a Little Closer o nelle romantiche Take It or Leave It e It’s Just Forever, due ottimi brani radio-friendly. La natura festaiola del combo americano è nascosta sotto nuovi arrangiamenti che toccano il rock anni Sessanta, l’indie classico con inserimenti di tastiere ed orchestrazioni come nel caso di Halo e Black Widow, per trovare la forma originale ed uscire allo scoperto nella schizoide Teeth, unico brano del disco strettamente legato alla produzione passata del gruppo.

Sappiamo quanto sia difficile per una giovane band confermarsi dopo una buona dose di successo. Proprio questo successo può porre il gruppo di fronte ad un bivio, tra il percorrere la solita via nel concepire la propria musica o invece scegliere la strada che porta ad un mutamento graduale di essa – pur senza eccessivi stravolgimenti, per non rischiare di eclissare l’immagine di quel talento che serve a farsi riconoscere  nell’aggrovigliato mondo dell’indie e del rock alternativo. Melophobia è un disco che non incanta e non delude, un lavoro necessario e di passaggio in un processo di maturazione completa e soddisfacente.

(21/10/2013)

Commenta
Simone Picchi

Studente di Scienze politiche a Messina, collaboratore recensore/reporter/intervistatore/factotum.