Babaman – La Nuova Era

Scheda
Rispetto al genere
7.0


Rispetto alla carriera
8.0


Hype
8.0


Voto
7.7

7.7/ 10

di Daniele De Donno

A solo un anno di distanza da Riddim Addict 2011, l’assai prolifico rudebwoy milanese Babaman rilascia La Nuova Era, il suo quarto album ufficiale (escludendo le raccolte sui riddim), prodotto da Produzioni Oblio. Il lavoro, nato dopo un paio d’anni di gestazione, è stato sicuramente influenzato sin dai suoi primi progetti dalla permanenza, seppur momentanea, di Babaman nella terra dei Rasta, in quella Jamaica così tanto inneggiata dai reggae singer del vecchio continente. Il tocco caraibico oltre che nelle version lo si può notare anche dalle collaborazioni dal livello altissimo: Babaman infatti è forse il primo mc in italia ad essere accompagnato nei suoi testi dalle voci di Sizzla, Burro Banton, Jodian Pantry e Ky-Mani Marley, i quali aumentano notevolmente il livello dell’album. A livello nazionale invece spuntano i nomi di Ensi e di Bassi Maestro, Primo, Vacca, Nto, Amir e Mondo Marcio nella traccia uscita in esclusiva solo per Itunes
Il disco si apre con una lenta melodia dal sapore tipicamente Nyabinghi, con le varie percussioni e lo shekere in primo piano, introdotta dalla voce profonda di Ky-Mani Marley che lascia il cantante milanese quasi narrare sul ritmo lento una sorta di preghiera all’”Altissimo Jah”. Il cambiamento però è imminente e già dalla seconda traccia si percepisce quel sapore tipicamente fresh del raggamuffin di Babaman con produzioni molto elettroniche, tipiche da club, nelle quali il testo passa quasi in secondo piano: infatti tra i vari messaggi conscious, i temi relativi alla sfera politica e del degrado civile si fondono all’unisono con il tema religioso, e all’adorazione portata quasi agli eccessi di Dio, sua unica fonte di ispirazione. Alle tunes dal tocco religioso, però Babaman affianca anche produzione più tendenti al club style, con ritmi più incalzanti tutti da ballare, dove sono preponderanti i temi tendenti all’autoelogio e all’autoreferenzialità. Inoltre è nota sicuramente ai più, la sua faida con Entics, quando Mr Baba nei suoi ultimi attacchi, infieriva contro il SoundBwoy criticandogli il fatto di far successo solo grazie a canzoni jamaicane spudoratamente copiate nelle melodie. Appare quindi strano che nella traccia Le Bimbe, l’artista utilizzi una melodia e un tono vocale chiaramente ispirato ad una tune d’oltreoceano di qualche anno fa: non certo una gran mossa quella di creare una canzone del genere ma di certo questo sta a dimostrare come l’mc riesca a muoversi tranquillamente nell’intero universo raggamuffin e perciò tale scelta stilistica non sarebbe imputabile di plagio.
Quindi si assiste in quest’album a temi già sentiti e risentiti nei precedenti lavori prodotti dopo la conversione di Babaman al rastafarianesimo ma è chiaramente tangibile la sua maturazione artistica, sia a livello di flow che di contenuti lirici, che fanno de La Nuova Era se non il migliore, uno degli album sicuramente più profondi e apprezzati della sua carriera artistica. Appuntamento quindi con Babaman nei club di tutta Italia per ballare tutta l’estate a ritmo dell’Uragano!

(20/06/2012)

Commenta
Daniele De Donno
Daniele De Donno

Collaboratore. D'origini salentine, trapiantato a Torino per studiare Ingegneria Energetica presso il Politecnico. Appassionato di musica Rap e Reggae/Dancehall.