Le regole del Ramino classico

Il ramino è sicuramente il gioco più conosciuto e giocato tra quelli che si giocano con i due mazzi di 52 carte francesi. Nel ramino (Leggi anche carte ramino) le combinazioni sono diverse. Si possono fare tris con tre carte dello stesso valore ma di diverso seme, quartetti o poker con quattro carte di uguale valore ma di diverso seme, scala con tre o più carte dello stesso seme in ordine progressivo, colore, quando si hanno tutte le carte dello stesso seme, anche in ordine non progressivo e ramino quando le carte sono in scale e dello stesso seme. Quando si fa una scala l’asso ha un valore doppio: può valere uno ed essere utilizzato per una scala 1,2,3 oppure valere per la carta dopo il Re per fare scala con Q, K ed Asso. Il jolly può sostituire tutte le carte assumendo il valore di tutti i semi.

Il numero di giocatori ideale è di 4 o 5 ma si può giocare a ramino anche se si è tra le 2 e le 7 persone. Il mazziere distribuisce 10 carte in senso antiorario, una alla volta, ad ogni giocatore (scopri quante sono le carte da Ramino). Il mazzo viene poi posato al centro del tavolo con una carta scoperta. Il primo a giocare prende la carta scoperta del mazzo e scarta una delle carte che ha in mano e non gli serve. Il secondo giocatore può pescare dal mazzo o se gli è utile prendere la carta scartata dall’avversario. Si prosegue così, fino a quando un giocatore riesce ad avere le carte nella giusta combinazione e potrà chiudere, scartando quella che non gli serve.

Le varianti del ramino sono molte e cambiano anche le modalità di chiusura. Si può praticare la chiusura a zero o quella ai punti. La prima avviene quando un giocatore possiede tutte le dieci carte combinate, la chiusura ai punti si verifica quando alcune carte sono combinate ed altre no e la somma dei valori delle carte non combinate non supera i 5 o 10 punti, a seconda di quanto stabilito in precedenza. Il tipo di chiusura va ovviamente stabilito prima dell’inizio del gioco.

Ma anche il punteggio può dipendere dalla variante. Si può anche giocare a rientro, pratica che si può giocare se ci sono ancora più di due giocatori in gara. Chi era già stato eliminato può rientrare in gara però con la penalità del punteggio più elevato che appartiene ad uno dei giocatori. Vince chi riesce a rimanere in gioco dopo che tutti gli avversari hanno sforato il punteggio di 101.