Il tatuaggio giapponese: cosa c’è da sapere

Il tatuaggio giapponese oggi è uno degli stili più richiesti perché piace moltissimo. Si tratta di uno stile ben definito che vanta antichissime origini, come spiegato di seguito in questa breve guida.

Le origini del tatuaggio giapponese

Il tatuaggio in Giappone ha antichissime origini. In principio, veniva usato per marchiare le persone che erano state condannante. Per tale motivo, alcuni anziani giapponesi oggi guardano male chi ha tatuaggi. Con il tempo, il tatto era diventato tipico della Yakuza, la mafia giapponese. I boss avevano grandi e bellissimi tatuaggi fatti da maestri molto abili, che ne fecero un’arte. Con il tempo, il tatuaggio ha iniziato a essere sdoganato e tutti ne portano uno. Lo stile giappo ha delle caratteristiche ben precise: si usano dei bordi neri o scuri molto marcati e si il tattoo vien sempre colorato, mai lasciato in bianco e nero. I colori sono piatti e senza grandi sfumature. Il tatuaggio può essere piccolo e poi venir ingrandito con il tempo fino a ricoprire praticamente tutto il corpo. Ci vogliono anni e molti soldi per un lavoro di questo genere che può venire a costare anche 10 mila euro.

Il tatuaggio giapponese oggi

Oggi il tatuaggio giapponese è molto usato e riprodotto su tutto il globo. Non si usano più strumenti tradizionali ma tutti usano la macchinetta, anche se è possibile trovare in Giappone ancora qualche maestro che non ha fatto il passaggio. Lo stile iconico del tatuaggio giapponese non è cambiato molto per poter restare riconoscibile e iconico. I soggetti che più spesso sono riprodotti sono quelli tradizionali legati anche alle leggende e miti giapponesi, come il drago o anche il leone. Ogni soggetto può avere un significato diverso. Altri soggetti frequenti possono esser i fiori di ninfea, ciliegio o di crisantemo. Quest’ultimo è l’emblema della famiglia imperiale giapponese. Possono essere tatuati anche le carpe Koi, molto amate in Giappone, oppure altri elementi naturali. Oggi spesso il tattoo giapponese riproduce anche le geishe, non è un soggetto tradizionale ma in Occidente spesso si sua fare un tatto di questo tipo.

Per maggiori informazioni: www.tatuaggimilano.org