I legni più usati per le casse funebri

Ci sono diversi materiali che possono esser utilizzati per realizzare le casse in legno. Presso una buona agenzai di pompe funebri è possibile trovare diverse tipologie di casse in legno dove riporre una erosane cara appena venuta a mancare. Oltre alla fornitura della cassa in legno, le onoranze funebri sono sempre pronte a offrire i loro servizi completi per occuparsi dell’organizzazioni dei funerali senza che debba farlo la famiglia che affronta un momento di lutto. Vediamo ora le differenze dei legni utilizzati.

Il classico ciliegio

Una delle scelte più classiche che ci sia per quantoriguarda la scelta della cassa funebre è il legno di ciliegio. La maggiori partedelle volte, si opta proprio per questo legname che ha si differenzia per ilsuo colore rossiccio. È un legno molto bello con venature ampie dritte. Le sue sfumaturevanno dal bruno al rossiccio. Grazie a questi toni caldi, il legno dà moltocalore.

Il costoso mogano

Un altro legname che è sposabile trovare quando si parla di cassa in legno, è il mogano, si trait di un legno molto pregiato, duro e resistente che ha una colorazione marrone molto scuro. Non ha nodi e le sue venature sono molto ampie. È uno dei legni più costosi che ci sia per questo fine, ma nonostante ciò è molto utilizzato e scelto.

Il rivalutato pino

Il pino è un tipo di legno che da sempre è usato per le casse in legno dove riporre la salma. La particolarità del pino è che ci sono sezioni lisce e altre ricche di nodi. Il più pregiato è quello liscio con venature dritte e ampie, ma oggi è stato rivalutato anche l’altro tipo con tanti nodi che può esser ugualmente bello. Il suo colore è chiaro, tendente al giallo. Il legno di pino è poco costoso perciò spesso è preferito per i funerali low cost che si organizzano con un budget minimo.

Per avere dettagli aggiuntivi, vai su www.onoranzefunebri-bergamo.it